Piccoli ma pieni di energia

Posted on Posted in Celiacologa, Health Coaching

Si, proprio così piccoli chicchi pieni di energia e soprattutto sono chicchi di cereali senza glutine: migliograno saraceno ed avena.

Il miglio – ottimo esempio di biodiversità: ne esistono infatti ben 12 varietà - è un cereale da poco scoperto in Europa sia per la sua facilità di coltivazione che di buon utilizzo in piatti o preparati equilibrati-gustosi. Ha un ciclo vegetativo di 90 giorni, richiede poca acqua e poco concime e diversamente dagli altri cereali, arricchisce il terreno.

Da un punto di vista nutrizionale i suoi punti di forza sono la ricchezza in aminoacidi essenziali quali lisina, treonina e triptofano oltre ad essere preziosa fonte di riboflavina, tiamina, niacina, folati e minerali quali il ferro e lo zinco.
Ovviamente il suo apporto calorico è elevato poiché la principale componente è rappresentata da carboidrati: 360Kcal/100g ma questo non deve scoraggiarne l’uso poiché è sufficiente moderare la porzione cioè 70g.

Il Grano saraceno – un pseudo-cereale dalla curiosa forma dei suoi chicchi e dai bellissimi fiori, ha eccellenti proprietà nutrizionali. E’ infatti ricco di grassi di buona qualità nutrizionale, aminoacidi essenziali quali la lisina; vitamine, minerali e importanti fitocomposti: flavonoidi tra i quali la rutina.
Ha un intenso sapore di noce e dunque può essere utilizzato per arricchire prodotti come il pane e la pasta ma anche dolci. Attualmente il grano saraceno è all’attenzione dei ricercatori per due importanti nutrienti: il D-chiro-inositolo, legato alla produzione di insulina e dunque l’interesse è per il trattamento del diabete oltre ad alcune proteine con alta affinità per il colesterolo che rendono questo pseudo-cereale interessante nel trattamento delle dislipidemie e non solo.

Infine l’Avena – cereale senza glutine solo da poco tempo sdoganato dalla comunità scientifica – è un portentoso quanto energizzante ed estremamente versatile cereale.
Ha un buon apporto di grassi (soprattutto acido gamma-linolenico) ed aminoacidi essenziali (lisina in particolare) oltre ad essere ottima fonte di fibra alimentare. In particolare è ricco di beta-glucano, fibra solubile che non si trova in nessun altro cereale. Questo è in grado di stimolare la funzionalità intestinale, equilibra i livelli di glucosio e di colesterolo circolante e rafforza il sistema cardio-circolatorio. Importante è anche il profilo di minerali caratterizzato in particolare da calcio e ferro accompagnati da un buon contenuto di acido pantotenico e tiamina.

I tre cereali discussi sono oggetto del progetto re-cereal, finanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale e Intereg V-A Italia-Austria 2014-2020.
Una ricerca transnazionale che vuole reintrodurre la coltivazione di miglio, grano saraceno ed avena sulle Ali offrendo ai coltivatori una alternativa alla frutta, verdura, grano e mais.

Per la primavera 2019 ci si prefigge l’obiettivo di individuare cultivar di miglio, grano saraceno ed avena, in grado di soddisfare le esigenze dei coltivatori, che necessitano di una certa resa, dei produttori di alimenti, che hanno bisogno di qualità nutrizionale e sicurezza e dei consumatori, che devono saper gustare ed apprezzare ciò che mangiano.

Bibliografia:
- G Ferretti e L Saturni - Celiachia e Dieta Mediterranea senza glutine - Il Pensiero Scientifico Ed. 2011
- www.re-cereal.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code