Lipedemia post-prandiale

Posted on Posted in Health Coaching, Nutrizione

La lipemia dopo un pasto ha un significato importante per il rischio cardiovascolare, anche se in presenza di valori di grassi circolanti nel flusso ematico nella norma a digiuno. Questa è la conclusione alla quale sono giunti i ricercatori dopo aver analizzato numerosi studi scientifici recenti. Numerose infatti sono le evidenze che mettono in relazione la risposta lipemica post-prandiale con il grado di ostruzione coronarica.

L'iper-lipemia è più frequente nei soggetti con sindrome metabolica e sembra essere correlata con l'insulino-resistenza a livello di tessuto adiposo e epatico.

Alimentazione ed esercizio fisico sono due armi potenti prima di arrivare all'utilizzo dei farmaci.

Alimentazione: sono i grassi saturi ad incidere negativamente sulla lipemia post-prandiale mentre omega 3 e acidi grassi a catena media e/o corta determinano un minor rialzo post-prandiale. Tra i carboidrati invece sono fruttosio e saccarosio i responsabili di un aumento di trigliceridi dopo il pasto. L'alcol assunto in quantità eccessiva e cronica rallenta la rimozione dei grassi circolanti mentre è la fibra alimentare ad avere un efftto positivo sul colesterolo ma non sui trigliceridi.

Movimento: un esercizio fisico postprandiale effettuato regolarmente e frequentemente riduce l'entità dell'aumento dei grassi circolanti dopo un pasto.

Ai miei pz dico...
Evitare i piatti pronti - Condire sempre ed esclusivamente con olio di oliva - Consumare verdura e/o ortaggi ad ogni pasto - Fare ogni giorno 10.000 passi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code