CeliacologaHealth CoachingNutrizione

Caldo, caldo, caldo … consapevolezza!

Si, è davvero caldo ormai da qualche giorno e parlare di BenEssere sembra essere … un miraggio!

Se manteniamo però la consapevolezza su ciò che capita al nostro organismo e ascoltiamo i segnali di questo nostro amico davvero chiacchierone, riusciremo a superare le giornate in modo sicuramente più funzionale.

Il caldo eccessivo soprattutto quando associato a umidità elevata porta ad un generalizzato MalEssere poiché l’aumento della temperatura provoca:

  • abbassamento della pressione sanguigna
  • malattie respiratorie
  • criticità venose
  • colpo di calore
  • colpo di sole
  • disidratazione
  • crampi

Poco si considera il fatto che l’ondata di calore ha conseguenze anche sulle capacità logiche e di ragionamento. E’ lo studio della Scuola di Salute Pubblica T.H Chan dell’Università di Harvard e pubblicato su PLOS Medicine a evidenziare sia il calo cognitivo che la ridotta capacità di focalizzazione dovute a fattori ambientali [rumore dovuto alle finestre aperte] e fisiologici [scarsa qualità del sonno, disidratazione …].

Cosa fare?

Quale Nutrizionista suggerisco

  • fare pasti frugali, prediligendo cibi di origine vegetale freschi e di stagione
  • limitare lo zucchero, bevande gassate ed anche il caffè [sono diuretici e causano perdita di liquidi]
  • bere acqua – fino a 10 bicchieri/die – anche se non avvertite la sensazione di sete
  • mangiare pesce almeno 2 volte/settimana
  • condire solo con olio di oliva evitando altri grassi sia animali che vegetali
  • evitare le bevande alcoliche fatta eccezione del vino [1 bicchiere/die se donna e 2 bicchieri/die se uomo]
  • prediligere alimenti ricchi di calcio [latte e formaggio fresco …]
  • con cibi variati e masticare con cura per facilitare la digestione

Quale Health Coach aggiungo qualche strategia per il BenEssere seppur le giornate sono afose-calde e ricche di umidità!

  • Evitare di uscire nelle ore più calde
  • Soggiornare possibilmente in ambienti ventilati e rinfrescati da un de-umidificatore o ventilatore
  • Indossare abiti leggeri e non aderenti prediligendo tessuti naturali [cotone, lino] e non sintetici. Non dimenticare di coprire il capo!
  • Non smettere di prendere i farmaci abituali né cambiare le dosi arbitrariamente
  • dedicare un tempo alla consumazione dei pasti [almeno 20 minuti] cercando di masticare più a lungo possibile agevolando così la digestione.

In ultima battuta per chi abita da solo e/o anziano è bene mantenere un contatto giornaliero con una persona di vostra fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code