Troppi Kili fanno invecchiare il cervello

Posted on Posted in Health Coaching, Nutrizione

Si, proprio così più aumentano i Kili di peso corporeo [sovrappeso fino all'obesità] e più velocemente si riducono sia il volume celebrale che lo spessore della corteccia celebrale. Prendere consapevolezza e formulare il personale Piano d'Azione per evitare di aumentare di peso è d'obbligo. La motivazione ora non é più solo per un fatto meramente estetico quanto perché l'eccesso di peso è fattore di rischio per le patologie cronico-degenerative e recentemente , sono sempre più numerosi i riscontri scientifici che legano il sovrappeso all'invecchiamento precoce.

Lo studio pubblicato recentemente su Neurology ha evidenziato l'associazione tra peso corporeo e l'invecchiamento cerebrale prendendo come indicatori lo spessore della corteccia, il volume e altri legati allo stato di salute cerebrale. I ricercatori hanno concluso che un indice di massa corporea più elevato va a braccetto con una maggiore involuzione della corteccia: indipendentemente da altri possibili fattori di rischio.

Cosa fare?

Quale Nutrizionista Health Coach seguo la rotta indicata già nel 2017, da due autorevoli società scientifiche statunitensi: l'American Heart Association e l'American Stroke Association.

Obiettivo è mantenere l'indice di massa corporea [peso in kg/altezza in metri al quadrato] inferiore a 25 e le strategie sono:

  • controllo delle porzioni
  • 150 minuti/settimana di movimento
  • no perentorio al fumo
  • moderata quantità di bevande alcoliche
  • Frutta fresca di stagione, Verdura, Ortaggi, Legumi, Cereali integrali sono le colonne portanti dell'alimentazione quotidiana
  • coltivare interessi [leggere, viaggiare, giocare a bridge, scrivere ... ]

Questo è invecchiare in BenEssere ... questa è la Bellezza dell'Invecchiamento ... questo permette di vivere il meglio possibile a qualsiasi età!

Fonte: Michelle R. Caunca et al. - Measures of obesity are associated with MRI markers of brain agingThe Northern Manhattan Study. Neurology, 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code