Microbiota e Meditazione

Posted on Posted in Celiacologa, Health Coaching, Nutrizione

Non è certo la prima volta che parlo di Intestino o meglio dei suoi numerosi abitanti, il microbiota ma questa volta ne torno a parlare in relazione alla meditazione. E' questa infatti l'ultima frontiera dove la ricerca ha posto una importante bandiera!

E' stato appurato che la meditazione svolge un potente effetto sull’intestino e sui microbi migliorando quello stato di infiammazione silente responsabile dei numerosi fastidi/disturbi includendo IBS [sindrome dell'intestino irritabile] e IBD [Malattie croniche infiammatorie].

Le connessioni emotive cervello-stomaco sono note da tempo e frasi: ho le farfalle nello stomaco ... segui la Tua pancia fanno parte del buon senso comune e della cultura popolare ma oggi hanno dignità scientifica. Ci sono infatti oltre 100.000.000 di nervi che rivestono l'intestino tanto che si parla di sistema nervoso enterico. E' proprio questo - comunemente definito secondo cervello - ad essere connesso con la risposta alle attivazioni emozionali [stress].

I ricercatori del Benson-Henry Institute for Mind Body Medicine al Massachusetts General Hospital (MGH) e del Beth Israel Deaconess Medical Center, autori dello studio hanno evidenziato come la meditazione possa influire significativamente sui sintomi clinici dei disturbi gastrointestinali, sulla IBS e sulle IBD.

I pazienti partecipanti allo studio hanno praticato la meditazioni per soli 15-20 minuti/die e ciò ha permesso di modificare positivamente più di 1.000 geni, includendo la soppressione della proteina NF-kB responsabile dell’infiammazione.

La meditazione ha agito positivamente su:

  • dolore addominale
  • diarrea alternata a stitichezza
  • gonfiore
  • flatulenza
  • senso di evacuazione incompleta

Questo perchè il rilassamento regolare indotto dalla meditazione agisce su:

  • consumo di ossigeno
  • la frequenza cardiaca
  • la pressione sanguigna
  • lo stress
  • l’ansia
  • l’infiammazione intestinale.

Altro dato di grande interesse è l'impatto sulla composizione del microbiota. La meditazione infatti mantiene lo stato di eubiosi e innesca una cascata di effetti positivi: Migliora l’umore aumentando la serotonina; favorisce la peristalsi; promuove la sana digestione; elimina gonfiore; favorisce la perdita di peso; potenzia il sistema immunitario; rafforza il cuore fino a contrastare il diabete.

Quale Nutrizionista Health Coach dico che la Meditazione non è il risultato di nessuna tecnica quanto piuttosto possiamo meditare mentre camminiamo o prima di dormire.

La meditazione è lasciar fluire i pensieri, fino a quando non ci sono più ... è semplicemente mantenere uno stato costante di quiete e consapevolezza di Sé.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code