Tumore al pancreas ancora inarrestabile

Posted on Posted in Health Coaching, Nutrizione

Tra le patologie oncologiche il tumore al pancreas è a tutt'oggi il più sconosciuto e il più letale. In Italia i nuovi casi di tumore del pancreas sono aumentati del 6%.

The New York Times lo scorso 23 settembre pubblicava un articolo dal titolo Perchè non riusciamo a fermare il tumore al pancreas? Un risposta esaustiva ancora non c'è. La malattia a tutt'oggi ha una prognosi spesso sfavorevole e a determinarla è l'elevata aggressività. Viene diagnosticato in forma metastatica in 1 caso su due.

Si conoscono solo alcuni fattori di rischio [fumo e obesità] fare diagnosi precoce è quasi impossibile sia per localizzazione dell'organo che per la disseminazione delle cellule cancerose. A complicare il quadro la localizzazione del pancreas rende poco specifici anche i sintomi.

Una buona panoramiche di prospettive future è stata pubblicata su Nature.

Perchè ne parlo? Perché come Nutrizionista Health Coach ho seguito un caro pz e ... molto si può fare durante le terapie. Ho avuto anche conforto nel leggere che ciò che ho fatto è perfettamente allineato con quanto oggi gli oncologi sugetriscono. Ecco gli spunti:

  • mangiare insieme alla famiglia - seppur difficile in alcuni momenti e seppur a volte le pietanze consumate sono diverse non perdere mai il valore della convivialità.
  • 5 sono i pasti nella giornata - colazione, pranzo e cena e due spuntini
  • una camminata prima dei pasti - la sua funzione è quella di stimolare l'appetito che in molti casi tende a scomparire
  • eccezioni per gli spuntini - snack gustosi per stimolare l'appetito quali noccioline, patatine possono essere permessi
  • spremute e centrifugati - via libera anche durante i pasti principali
  • decorare i piatti - giocare molto con i colori sia per stimolare l'appetito che per introdurre antiossidanti diversi legati al colore dei prodotti vegetali
  • budini e minestre - solo quando la nausea è importante consumare cibi più leggeri per poi tornare all'alimentazione solida
  • pompelmo, ginseng, aloe - meglio evitare per non deprimere l'effetto di alcuni farmaci
  • alcolici, bevande gassate cibi troppo caldi ... - sono da evitare quando le terapie portano infiammazioni orali
  • integrazione - quando la nutrizione non è sufficiente pensare ad una micro-nutrizione funzionale e regolatoria, personalizzata.

In chiusura permettetemi ... grazie per ciò che mi hai insegnato, MN!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code