I grassi … qualcosa di nuovo!

Posted on Posted in Celiacologa, Health Coaching, Nutrizione

Ho iniziato la mia storia quale ricercatrice, studiando i lipidi o grassi.
All’epoca ... solo nel loro aspetto squisitamente strutturale: fase lamellare … fase esagonale … fasi cubiche … ero una biofisica!

Crescendo non mi sono distaccata da loro quale nutrizionista, infatti numerosi e diversi post li ho dedicati a queste molecole verso le quali si nutre sentimenti contrastanti: odio & amore.
Odio … perché forieri di tanti effetti negativi sulla salute e soprattutto perché .. fanno ingrassare
Amore … perché aumentano la palatabilità dei cibi e tutte le pietanze diventano squisitamente golose!

Oggi quale Helath Zen Coach, torno a riaffrontare il tema perché la ricerca ha dato nuovi spunti ed un innovativo quanto funzionale approccio è utile. Scopriamoli!

Cadono le certezze sulla netta divisione tra grassi buoni e grassi cattivi.

I grassi saturi sono da sempre i cattivi della famiglia in realtà non è poi così vero e a rivalutarli è uno studio che è stato poi suggellato dallo slogan Butter is back – il ritorno del burro!

I veri colpevoli sono piuttosto gli acidi grassi trans , responsabili di un aumento del 20% del rischio cardiovascolare e di un aumento del 40% del rischio di morte per patologie cronico-degenerative [1].

Grande stupore … grande clamore e soprattutto battaglie tra scienziati - lobby farmaceutiche e alimentari e giornali, ma la ricerca tiene duro!

A conferma alcuni articoli:
- di Neal Barnard,
- di Nina Teicholz fino ad arrivare a quello
- di Ravanskov nel 2016.

Il lavoro è una analisi retrospettiva che arriva addirittura a istillare dubbi sull’ipotesi colesterolo. [2]

Riaperto è dunque il dibattito sulla relazione tra colesterolo – grassi saturi e patologie cardio-vascolari.

Quale Health Coach, oggi dico che la cosa fondamentale è mangiare e scegliere in modo consapevole: utilizzare solo olio di oliva come fonte di grassi sia nelle preparazioni a crudo che a cotto. Utilizzare cibi con grassi utili al nostro organismo quale pesce, frutta secca a guscio ... Rispettare i principi di frugalità e biodiversità e territorialità; Fare un sano movimento tutti i giorni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code