Etichettando 2.1

Posted on Posted in Celiacologa, Health Coaching, Nutrizione

Essì ... proprio questo pomeriggio grazie a Cristiano di Gusto Alternativo riparte Etichettando!

Il primo post a tal proposito è datato 14 luglio 2005.

Una categoria interessante, sfidante, intrigante che oggi, più che mai, offre numerosi spunti di riflessione.

Parlare di prodotti senza glutine significa muoversi in un mercato che attualmente tira un business di circa 4.5 miliardi di dollari!

Dettagliando ancora più lo spaccato degli alimenti a fini medici speciali - questa è la definizione corretta dopo l'entrata in vigore della nuova normativa - emerge che:
1. 2 su 3 delle Aziende della produzione convenzionale hanno attivato la linea gluten free (Barilla, Buitoni, Galbusera …)
2. la maggior parte delle Aziende sono nel nord Italia e sono medie-piccole imprese
3. hanno un basso indice di internazionalizzazione, cioè il prodotto gluten free non aumenta le possibilità di uscire fuori dal mercato italiano
4. da 280 prodotti senza glutine del 2001 siamo arrivati a 6500 nel 2016 … 300 tipologie di biscotto … 600 tipi di pasta … 50 tipologie di taralli

E’ proprio su questo ultimo punto che oggi pomeriggio cercheremo di fornire strategie e skills - quale health zen Coach professionista – per orientarsi in un così vasto mercato!

La mappa del territorio è … l’Etichetta Alimentare.

Le novità sono davvero tante e … ce né per tutti i gusti.
Negli anni, gli aspetti normativi hanno apportato importanti cambiamenti ma … a me spettano le novità più squisitamente nutrizionali!

Parlerò dunque di etichetta nutrizionale e cosa carpire dalla sua lettura … di packaging e come non cadere nel suo ammaliante potere visivo (fonte: Critica portatile al visual disign) … fino a toccare alcuni attuali must nutrizionali.

Ma … l’olio di palma fa male si o no?
Una domanda aperta già nel 2015

L’amido aglutinato è sicuramente senza glutine?
Già nel 2008 si parlava di un regolamento che lo avrebbe sdoganato

L’avena, un cereale fino a poco tempo fa proibito ora permesso … vero?
Le sperimentazione partì nel 2006 e già dal 2009 conoscemmo l’avena per la sua importanza nutrizionale

Un altalena tra presente e attualità ma saranno più o meno queste le domande alle quali cercheremo di dare una risposta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code