L’obesità diventerà uno dei 12 Indicatori della legge di Bilancio 2019

Posted on Posted in Health Coaching, Nutrizione, Rassegna Stampa

L’eccesso di peso – clinicamente definito obesità – è uno dei fattori da monitorare poiché utile nella valutazione della sostenibilità degli attuali livelli di salute della popolazione. Questo quanto letto su agi e ne sono rimasta davvero incuriosita!

E’ ormai da tempo che mi occupo di obesità - quale specialista in scienze dell’alimentazione ed ora come Health Coach Professionista – e non avrei mai pensato che questa potesse far parte dei criteri per valutare il benessere tanto quanto il Pil – il reddito medio pro-capite – l’occupazione femminile – indice di povertà – indice di criminalità …

Come mai è stata inserita l’Obesità nel bilancio dello Stato?

E’ un indicatore utile ai fini della valutazione della sostenibilità degli attuali livelli di salute della popolazione e del loro possibile miglioramento, reattivo alle politiche pubbliche mirate ad influenzare lo stile di vita e idoneo a cogliere significativi elementi di disuguaglianza.
Questa la conclusione alla quale è giunto il comitato di esperti e dirigenti ministeriali tra cui il capo Dipartimento dell’Istat -Roberto Monducci; Andrea Brandolini della Banca d’Italia e l’ex ministro del Lavoro Enrico Giovannini.

Per l’Italia questo non creerà problema poiché gli italiani sono i più in forma dell’Unione Europea, ben 10.7% di obesi vs la media comunitaria di 15.9% Inoltre l’Italia è al vertice della classifica Bloomberg Global Health Index quale Paesi più sano e non ha caso è anche il Paese dei più longevi, secondo solo alla Spagna.

Si , ok tutto bene ma credo che comunque l’impatto economico dell’obesità rappresenti per il nostro Paese un fattore migliorabile. L’obesità impatta la nostra economia in termine di spesa sanitaria, di giorni lavoro persi, di presidi da offrire … L’obesità è oggi una vera e propria pandemia ed è definita come sindrome data la complessità di sintomi e molteplicità di segni clinici.

Sicuramente un Piano d’Azione della Salute che vede l’integrazione di più parti potrà dare risultati interessanti piuttosto che perseverare nel mantenere coltivazioni di orticelli privati di qualche barone che millantando soluzioni ad-hoc (dieta … chirurgia …) non fa altro che approfittare della situazione.

Questo è il Piano d’Azione della Salute – frutto di una mia revisione di un documento emanato dall’Istituto Europeo di Oncologia – che offre una visione ecologica&sostenibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code