Mandorle, Cacao, Cioccolato fondente e Rischio Cardiovascolare

Posted on Posted in Health Coaching, Nutrizione

Le patologie cardiovascolari tornano a far parlare di sé.

Le malattie del cuore continuano ad essere tra le prime cause di morte in Italia, in Europa e nel Mondo. Alcuni cibi, in particolare la frutta secca a guscio, giocano un ruolo importante nella prevenzione primaria e secondaria.

Numerosi sono gli studi che hanno evidenziato, in questi ultimi anni, l’effetto positivo di un adeguato consumo di frutta secca a guscio sulle patologie cardiovascolari e non solo. [1,2]

In particolare Prevenciòn con Dieta Mediterrànea – PREDIMED [3]- ha mostrato come una supplementazione con 15g di noci, 7.5g di nocciole e 7.5g di mandorle sia in grado di ridurre del 28% gli eventi cardiovascolari.

Le mandorle, tra le diverse tipologie di frutta secca, sono le più ricche di acido oleico, acido linolenico e rappresentano una eccellente fonte di α-tocoferoli, minerali, proteine vegetali, fibra alimentare e phytosteroli. E’ proprio grazie alla loro peculiare composizione che le mandorle sono in grado di migliorare il profilo lipidico abbassando il colesterolo totale, l’LDL-colesterolo ed i trigliceridi. Inoltre sono anche in grado di incidere su altri fattori di rischio cardiovascolari quali l’insulino-resistenza [4], disfunzione endoteliale [5], l’infiammazione [6] e lo stress ossidativo [7].

Oltre alle mandorle anche il cioccolato fondente ha riscosso successo sempre grazie alla sua peculiare composizione chimica. Ha infatti una concentrazione di flavonoidi superiore a quella del vino rosso, del te nero, del succo di cranberry e delle mele. [8]
Catechine, epicatechine e procianidine sono i principali flavonoidi che agiscono efficacemente sulla insulino-resistenza, migliorano la funzionalità endoteliale e la pressione arteriosa in soggetti adulti [9].

E’ di recente pubblicazione uno studio condotto su soggetti sovrappeso ed obesi che aveva lo scopo di valutare l’effetto singolo o in combinata di cacao, cioccolato fondente e mandorle sul rischio cardiovascolare o meglio sui livelli di lipidi, lipoproteine, salute vascolare e stress ossidativo in soggetti sovrappeso ed obesi.

La popolazione oggetto di studio, è stata seguita per 4 settimane ed è stata suddivisa in 4 gruppi:
1. alimentazione normale
2. 42.5g/die di mandorle
3. 18g/die di cacao e 43g/die di cioccolato fondente
4. 42.5g/die di mandorle +18g/die di cacao + 43g/die di cioccolato fondente.
Ulteriori dettagli a pagina 2-3 dell’articolo.

Lo studio ha destato grande interesse poiché aveva lo scopo sia di valutare gli effetti positivi del consumo di alcuni cibi che il loro effetto positivo quando consumati singolarmente o in combinata.

Cosa c’è dunque di nuovo?
- Il consumo di sole mandorle o mandorle/cacao/cioccolato fondente migliorano il profilo lipidico e delle lipoproteine.

- Il consumo combinato di mandorle/cacao/cioccolato fondente porta ad una significativa riduzione delle LDL-colesterolo, il principale fattore di rischio per le malattie delle coronariche

- Infine dallo studio emerge che né le mandorle né il cacao né il cioccolato fondente incidono sui markers della salute vascolare né sullo stress ossidativo.

Quale Health Coach la strategia Vi lascio unaa gustosa quanto pratica strategia per una sana alimentazione in grado di garantire un buon profilo lipidico: 15-20 mandorle/die oppure 15 mandorle + 2 cucchiaini di cacao + 4 scacchetti di cioccolato fondente al giorno. Mi raccomando mai perdere il controllo calorico giornaliero pertanto bilanciamo con altri cibi oppure facciamo più movimento!

Mini-Bibliografia
1. Y Bao et al. - Association of Nut Consumption with Total and Cause-Specific Mortality. N Engl J Med 2013
2. FB Hu et al. - Frequent nut consumption and risk of coronary heart disease in women: prospective cohort study. BMJ 1998
3. R Estruch et al. - Primary Prevention of Cardiovascular Disease with a Mediterranean Diet N Engl J Med 2013
4. SC Li et al. – Almond consumption improved glycemic control and lipid profiles in patients with type 2 diabetes mellitus. Metabolism 2011
5. K Choudhury et al. – An almond-enriched diet increases plasma α-tocopherol and improves vascular function but does not affect oxidative stress markers or lipid levels. Free Radic. Res. 2014
6. JF Liu et al. – The effect of almonds on inflammation and oxidative stress in Chinese patients with type 2 diabetes mellitus: a randomized crossover controlled feeding trial. Eur J Nutr 2013
7. DJ Jenkins et al. – Almonds reduce biomarkers of lipid peroxidation in older hyperlipidemic subjects. J Nutr 2008
8. FM Steinberg et al. - Cocoa and chocolate flavonoids: implications for cardiovascular health. J Am Diet Assoc. 2003
9. L Hooper et al. - Effects of chocolate, cocoa, and flavan-3-ols on cardiovascolar health: a systematic review and meta-analysis of randomized trials. Am J Clin Nutr 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code