Gelato Artigianale in Nutrizione Clinica

Posted on Posted in Celiacologa, Health Coaching, Nutrizione

Attualmente c/o una Clinica della Capitale è in sperimentazione l'utilizzo del Gelato Artigianale nella disfagia in persone con Alzheimer.

Il gelato artigianale già empiricamente entrava nell'alimentazione di alcuni pazienti per i suoi effetti positivi. In particolare a chi si era sottoposto ad un intervento di tonsillectomia si consigliava un gelato. Oggi la ricerca scientifica allarga le indicazioni perché il freddo e l'equilibrio nutrizionale tra grassi, aminoacidi, proteine e zuccheri porta vantaggi anche all'attività sportiva. Gelato alla frutta prima della performance e gelato alle creme dopo, includendo anche il soggetto diabetico e facendogli preferire il gelato alla creme.

Nello studio attualmente in atto invece si è visto come il gelato artigianale , assunto 1 volta/die, permetta ai soggetti affetti da Alzheimer di riattivare l'attività deglutitoria con conseguente miglioramento dell'assetto nutrizionale, miglioramento della tonicità muscolare fino all'assenza di piaghe da decubito quando il soggetto allettato.

Due i punti di forza: gli aminoacidi del latte vaccino e l'uso di zuccheri d'uva.

Non ho mai demonizzato il gelato quando artigianale ed ora lo consiglierò con maggior convinzione.

Ai miei pz dico: il gelato artigianale può essere incluso nei menù giornalieri a patto che sia medio - in coppetta e senza panna. Alla frutta o alle creme - secondo il gusto personale ... con glutine o senza glutine - secondo la condizione!

Fonte: Rivista Italiana di Nutrizione e Metabolismo - ADI, 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code