Micronutrizione: la nuova frontiera della nutrizione

Posted on Posted in Celiacologa, Health Coaching, Nutrizione

Siamo partiti parlando di Dieta quale insieme complesso di abitudini alimentari e stile di vita, connotandola successivamente come Dieta Mediterranea. Questa non solo ha ottenuto riconoscimento dalla comunità scientifica internazionale per i suoi effetti positivi sulla Salute ma il 16 novembre 2010 è stata iscritta nella Lista del Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità dall'UNESCO.

Personalmente mi è sempre piaciuto distinguere il termine stile di vita da Alimentazione, volendo portare l'attenzione sia sulla conoscenza&significato di strategie che riguardano la nostra personale quotidianità che su i cibi che scegliamo, acquistiamo e cuciniamo per comporre i nostri menù.

Altro passo in avanti mi è piaciuto farlo parlando di Alimentazione ma sopratutto di Nutrizione, intendo questa come quella scienza che permette di conoscere la composizione di ciò che mangiamo. Conoscere le macromolecole quali grassi - carboidrati e proteine per non temerle/demonizzarle ma piuttosto -conoscendo la loro specifica funzione all'interno del nostro corpo- sceglierne ogni giorno in quantità funzionali e regolatorie per il nostro Ben essere.

Oggi la nuova frontiera - per me - è la MicroNutrizione! Quella branca della nutrizione che accende i riflettori su micronutrienti quali vitamine e minerali - sicuramente già ben noti - ma sopratutto su su altre piccole molecole fondamentali per il nostro corpo e il suo buon funzionamento.

Sono molecole bioattive che lavorando in sinergia con i macronutrienti ma anche tra loro, garantiscono l'efficacia e l'efficienza dei nostri processi fisiologici. Si parla dunque di MicroNurizione non certo perché meno importante quanto piuttosto perché questi specifici Nutrienti vanno assunti in piccole quantità [mg o mg/die].

Sono ben 13 vitamine alle quali si aggiunge la provitamina A - sono minerali quali calcio, potassio, magnesio, selenio, ferro, rame, zinco, boro -sono acidi grassi e aminoacidi quali triptofano, cistina, lisina, taurina. Le loro fonti privilegiate sono cibi di origine vegetale manche quelli di origine animale ma ...

Si c'è un ma poiché attualmente i cibi sono sempre più poveri di micronutrienti a causa dei metodi di coltura [colture intensive, uso di sostanze ...], delle tecniche di estrazione degli alimenti [raffinazione, estrusione ...], di cottura [bollitura, frittura ...] fino alle tecniche di conservazione. Non è raro, dunque registrare carenze, soprattutto se sportivi, fumatori, stressati, bambini, anziani, donne incinta ...

Quali sono i sintomi? I più svariati dalle noie a carico dell'apparato gastrointestinale [gonfiore, tensione addominale, cattiva digestione ...], al senso di spossatezza, all'irritabilità fino al sovrappeso corporeo.

Soluzioni? Quale Nutrizionista Health Coach alleno a:

  • ascoltare del nostro corpo
  • scegliere cibi consapevolmente
  • prediligere cibi di origine vegetale di stagione e del territorio
  • ricorrere alla Nutrizione Integrata in cui grazie ad un approccio articolato che pone al cenro la Persona nella sua totalità,, valuta il ricorso all'integrazione di micronutrienti specifici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code